Si.Camera - https://sicamera.camcom.it/

Esportare kiwi in Corea del Sud: nuova scheda prodotto-Paese per la Rete rurale nazionale

15 May 2020

Stampa
Nel 2018 gli scambi mondiali di kiwi freschi hanno sfiorato 1,6 milioni di tonnellate per un valore pari a circa 2,6 miliardi di euro, con una crescita molto consistente (+26% in quantità e +50% in valore) tra il 2014 e il 2018. Nella graduatoria mondiale dei paesi esportatori l’Italia occupa la seconda posizione sia in quantità sia in valore, detenendo una quota dell’export totale nel 2018 pari rispettivamente al 19% e 17%. Sul fronte delle importazioni, la Cina guida la classifica dei primi cinque paesi acquirenti di kiwi, con il 13% del valore dell’import mondiale; seguono Giappone, Belgio, Germania e Spagna. Ad eccezione del Giappone, per ciascuno di questi paesi l’Italia figura sempre tra i principali fornitori, detenendo nel caso della Germania la prima posizione con una quota in valore pari al 46%. Nell’elenco dei paesi importatori, la Corea del Sud si posiziona al 12° posto con importazioni per 33 mila tonnellate corrispondente in valore a 77 milioni di euro nel 2018; l’Italia si configura come terzo fornitore detenendo una quota del mercato inferiore all’1%. 
 
Sono questi alcuni dei dati più significativi rilevati da "Esportare kiwi in Corea del Sud", la nuova scheda prodotto-paese pubblicata da Ismea. La scheda “prodotto/paese” si inquadra nelle attività dell’Ismea per la Rete Rurale Nazionale previste nel programma 2014-20, con particolare riferimento all’internazionalizzazione delle aziende agricole e agroalimentari. La pubblicazione - realizzata con il contributo del Feasr (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale) - ntende fornire un contributo di conoscenza dotando gli operatori di uno strumento concreto di valutazione delle opportunità e delle condizioni tecnico-operative necessarie a esportare.
 
Il lavoro, realizzato con il supporto di Si.Camera, contiene informazioni inerenti:
 

 

 
 
La altre schede Prodotto-Paese:
 
- Esportare formaggi stagionati negli Emirati Arabi
 
- Esportare polpe e pomodori pelati in Giappone
 
- Esportare prosciutto in Giappone e USA
 
- Esportare vino in Australia
 
- Esportare vino e mosti in Cina